Crea sito

da

Nuovo gioco browser game strategico kingsera

settembre 20, 2013 in Game Press

villaggio-kings-era468x60Kingsera è uno strategico giocabile gratuitamente tramite browser.

Il gioco di Kingsage è stato lanciato nella lingua in Italiana par prima volta Italia nel giorno 09 setembre 2013

Il Gioco strategico di Kingsera è gratuito e per giocare non serve nessun soft wear, si gioca direttamente sul server.

Giocando al gioco di Kingsera oltre divertimento e emozioni si può anche vincere i premi in contanti e monete d’oro del mondo dei giochi.

Gioca, divertiti, e vinci premi

Nel corso di ogni gioco dei server internazionali esistono da 3 a 10 mila euro di premi in contanti e più di 100 premi non monetari. Questi premi sono stabiliti a seconda dei progressi dei giocatori sul server e alla fine di ogni server li concede con una cerimonia ufficiale. Tesori e premi : + Conquistare Il Manoscritto eterno : 100 € , + Archiviare Il Manoscritto eterno : 500 € , + Conquistare chiave d’oro : 20 € ( esistono 12 chiavi ) , + Archiviare chiave d’oro : 100 € , + Archiviare una chiave d’argento e un piccolo (baule) forziere : 30 € ( esistono 48 chiavi ), + Pacchi di monete speciali del mondo del gioco.

Rimani aggiornato sulla Fanpage

Il gioco in poche parole

Un centinaio di anni fa la gente viveva in pace e armonia nelle loro città, andavano avanti con il loro lavoro, l’agricoltura……. Quando improvvisamente la voce dell’attacco della tribù di nome Ghinghiz ha rotto la pace e l’armonia. In poco tempo i re dei paesi confinanti dopo consultazioni sono arrivati alle conclusioni che dovevano fare un patto di alleanza e creare una enorme campagna per confrontarsi con i Ghinghiz. Secondo le dichiarazioni delle spie, unico modo per sconfiggere i Ghinghiz, era di conquistare il loro storico mano scritto eterno. Conseguentemente un gruppo di grandi eroi dopo essersi allenati pesantemente, si sono preparati per la conquista del mano scritto eterno .

Come ogni strategico, molta importanza è data all’accumulo di risorse, la cui raccolta ci permetterà di costruire e potenziare le strutture e di raggiungere il nostro scopo.

Al di fuori delle mura, potremo anche conquistare altre città ed espandere il nostro controllo, anche tramite l’alleanza con altri imperi.

Oltre ai compiti “base”, il gioco ci da la possibilità di cimentarci in alcuni sottogiochi, capaci di offrire un diversivo alla routine strategica ma senza permettere che essi siano un valido riscatto per la scarsa originalità che pervade il tutto.

Kingsera purtroppo non riesce ad essere una valida alternativa per chi cerca un gioco gratuito e diverso dal solito; ogni cosa ha lo stesso sapore della minestrina riscaldata che ci viene proposta ormai da anni e i pochi aspetti originali non bastano da soli a sovvertirne il giudizio.
Fanpage

Recensione completa

Senza girarci troppo intorno, diciamo subito che Kingsera è il classico strategico gratuito (o quasi) giocabile direttamente tramite browser.

Secondo il sito ufficiale, a reggere il tutto ci sarebbe anche un background narrativo “tratto da un romanzo storico”, in realtà poco più che un’accozzaglia di clichè ed elementi improbabili (una tribù di demoni) messi insieme nella parvenza di donare al gioco una trama.

Vi basti sapere che, come nuovo e giovane re, il nostro compito sarà quello di creare da zero un potente impero che ci garantirà la supremazia e un posto di tutto rispetto in classifica.

Nulla di nuovo sotto al sole

Al primo avvio, oltre ai classici dati da inserire quali nickname e luogo in cui far sorgere la nostra civiltà, ci verrà chiesto anche a quale specializzazione aderire.

Queste specializzazioni sono una buona idea per differenziare i vari castelli nell’immediato o, al massimo, nel medio termine, dato che ci daranno dei bonus passivi che potremo far vertere su uno piuttosto che un altro aspetto.

Sono disponibili le specialità di agricoltore (che ci darà un bonus del 10% alla produzione del grano), falegname (10% in più sulla produzione del legname), mago (tutte le risorse hanno un bonus del 2,5%), fabbro (10% in più sul ferro) e, infine, costruttore (10% in più sulla produzione della pietra).

Ovviamente, tutto il titolo si basa sull’accumulo di risorse e sul potenziamento delle proprie strutture, quindi, questi bonus in più sono sicuramente ben accetti, anche se inizialmente è piuttosto difficile prevedere quale di questi si rivelerà il più utile una volta in gioco.

Una volta entrati finalmente in gioco, ad assisterci interverrà il tutorial (comunque opzionale) che ci guiderà attraverso i primi incarichi che dovremo svolgere.

In tutta onestà, rispetto ad altri giochi, questo si è rivelato un tantino confusionario e, più che aiutarci a comprendere le dinamiche e a spiegarci i fondamenti del gioco, si limita ad assegnarci una serie di compiti da svolgere in sequenza.

Il gioco vero e proprio non si distacca minimamente dai canoni del genere.

Attraverso delle attese (più o meno lunghe a seconda del livello che abbiamo raggiunto) potenziamo e/o costruiamo i nostri edifici; essi ci servono per vari compiti come la produzione di risorse, il loro immagazzinamento o l’addestramento di truppe.

Una volta pronti, potremo dare uno sguardo alla mappa globale ed addentrarci al di fuori del territorio compreso nel nostro perimetro.

Nel “mondo esterno” potremo conquistare o far sorgere nuovi castelli, stringere alleanze o procurarci nuove risorse nei luoghi dove sono contenute.

Simpatici diversivi

Sorprendentemente, esiste un aspetto del gioco che mai ci saremo aspettati di trovare, consistente nella presenza di vari minigiochi a cui potremo accedere per spezzare il ritmo (o per rendere più sopportabili le lunghe attese).

Se saremo bravi all’interno di questi minigiochi, i vantaggi si riverseranno sul nostro impero e sul nostro eroe che guadagnerà punti intelligenza.

Dal lato destro della schermata, è possibile accedere a questi “giochi dentro al gioco” suddivisi in due categorie.

La prima è la cosiddetta “battaglia delle menti”, dove si svolgono i giochi più ragionati.

Sono disponibili una riproduzione di Otello e “il gioco del 4 in fila” (meglio conosciuto come Forza 4); l’unica pecca consiste nel fatto che, essendo modalità multiplayer, dovremo aspettare che un altro giocatore aderisca alla nostra partita, il che si traduce spesso in attese estenuanti.

L’altra categoria, affrontabile in single player, è quella della caccia.

Previo scaricamento di Unity (motore grafico per browser) si potrà giocare alla “foresta misteriosa”, in cui dovremo predare diversi animali, o alla variante “caccia agli uccelli”, in cui dovremo alzare gli occhi al cielo.

Nulla di troppo elaborato o complesso, sia chiaro, ma fa comunque piacere trovare certe spruzzate di originalità (unite ad un pizzico di non senso) in un gioco che, altrimenti, sarebbe il tripudio del già visto.

Visivamente parlando

Graficamente il gioco propone degli standard gradevoli.

Gli ambienti, tutto sommato, sono presentati ad una risoluzione dignitosa, ma tutto è troppo statico per poter essere apprezzato in pieno ed i menu piatti e freddi non aiutano certo in questo senso.

Un minimo di animazioni in più anche negli stessi ambienti non avrebbero guastato. Fanpage

Conclusioni

In conclusione Kingsera è un gioco che propone qualcosa che si è già visto innumerevoli volte.

Anche nel caso in cui ci si imbatta per la prima volta in un browser game gestionale ci sono veramente pochi motivi per preferire Kingsera ad un altro esponente meglio riuscito.

I pochissimi punti di originalità introdotti non sono in grado, da soli, di risollevare le sorti del titolo che, a conti fatti, resta una semplice brutta copia di decine di titoli analoghi. Fanpage468x60

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti